In evidenza

Come e perché nasce questo blog

Riempio pagine di appunti con foto, articoli e link che mi interessano e che di solito hanno a che fare con il mondo della scuola. Il problema è che non sempre l’articolo o il link è nel computer che sto usando. Perché non provare, allora, a metterli insieme in uno spazio che trovo sempre e dovunque?

Ecco, è così che nasce questo blog….nessun’altra ambizione, almeno per ora!!

Annunci

Plickers!

Ecco un’applicazione che mi sembra favolosa!

Si chiama pricklers e la trovate qui.

Il sito è gratuito: si procede ad una registrazione semplicissima e si clicca sulla solita mail che arriva per confermare la registrazione.

L’idea alla base di questa app è quella di poter preparare dei test per i miei alunni e avere immediatamente i risultati.

Bisogna scaricare un’app  sul cellulare che si sincronizza con quanto viene preparato sul sito. Di cos’altro ho bisogno? Di un set di carte (anch’esse scaricabili dal sito) ognuna delle quali è associata ad un alunno e di test a risposta multipla o vero/falso.

Ma andiamo per ordine:

  1. dopo la registrazione creo la/le mia/e classe/i. Posso inserire i nomi ad uno ad uno ma posso anche usare la funzione Add Roaster che mi consente di copiare un elenco e incollarlo direttamente. Per incanto la classe viene creata con tutti i nomi a ciascuno dei quali è associato un numero.
  2. Creo un set di domande con le possibili risposte.
  3. Stampo le cards che assomigliano vagamente ad un QRcode: ogni card ha un numero e le quattro lettere delle possibili risposte su ogni lato.
  4. Consegno ai ragazzi…copia delle domande? no! Foglio di raccolta delle risposte? NO! Consegno soltanto il loro quadratino, cioè la loro card
  5. Nel momento in cui attivo dal sito la funzione Live view, apro l’app del cellulare, seleziono la classe e la prima domanda che i ragazzi vedranno proiettata: quanto gli diamo di tempo, 20 secondi, trenta secondi? Allo scadere del tempo, io devo selezionare la funzione SCAN sul mio cellulare e passare accanto ad ogni card: il sistema mi visualizza in tempo reale la risposta data e la bontà della loro risposta.
  6. Si passa quindi alla domanda successiva: rispondono (basta cerchiare la lettera corrispondente), scan, risultati…e via..

Punti di forza:

a) Il docente (e i ragazzi) vedono subito i risultati: loro esulteranno o si dispereranno, tu capisci se puoi andare avanti con un altro argomento…

b) Se si da un tempo ragionevole ma non troppo esteso, il rischio di copiare è quasi annullato

c) Puoi usare nel futuro le domande già preparate

Punti di debolezza:

  1. se non hai la LIM in classe o un laboratorio di informatica…la vedo dura!!!

 

 

 

Ecco un altro interessantissimo link: Vizia!

C’è un collega effcientissimo che spesso condivide le scoperte che fa sul web: si chiama Roberto Sconocchini. Lui non sa che l’ho appena citato ma voglio ringraziarlo perché il suo lavoro rende il nostro molto più semplice e leggero.

Oggi ho scoperto, grazie a lui, l’esistenza di Vizia, un sito che consente di inserire domande sia aperte che chiuse all’interno di un video.

Ci si può registrare tramite Google ma anche inserendo i propri dati.

Una volta inserito il link di un video sul quale si intende lavorare, Vizia carica il video: da quel momento possiamo inserire domande nei punti preferiti del video che, come ho già detto, possono essere di vario tipo.

Questo il sito: Vizia

Qui il video tutorial: